Le virtù dell’anice stellato

Una graziosa forma di stella dal sapore aspro e piuttosto forte, con un retrogusto piccante e dolce: l’anice stellato è una spezia che, oltre al profumo, possiede interessanti virtù terapeutiche.

Anice stellato: una pianta originaria dell’Asia orientale

L’anice stellato è il frutto della badiana (Illicium verum Hook.f.), un arbusto dalla corteccia bianca con foglie persistenti, originario del sud della Cina e appartenente alla famiglia delle Schisandraceae: può raggiungere anche i quindici metri di altezza.
Il nome scientifico dell’anice stellato, Illicium verum, viene dal latino “illicere”, allettare, per il piacevole profumo delle sue foglie dei suoi fiori.
La fioritura avviene all’inizio della primavera e si protrae fino alla fine di maggio. I fiori, freschi, bianchi o tendenti al giallo, sono decisamente scenografici: grandi, a forma di stella, hanno un corpo a 8 carpelli che formano il frutto; e ognuno di questi contiene un seme. Si raccolgono verdi: è solo dopo l’essiccazione al sole che assumono il caratteristico colore bruno che conosciamo.

La sua scoperta è attribuita a Marco Polo, che lo chiamò il “finocchio cinese”, ma pare che Plinio coltivasse già questa pianta in Toscana, al tempo dei Romani.
Un dato però è certo: si diffonde in Occidente ed inizia ad essere davvero apprezzato (magari anche per il prezzo più abbordabile, allorché prima era considerato una rarità) grazie alle compagnie di importazioni inglesi, a partire dalla fine del ‘600 (vedi James Shalton 😉 ), con il nome “anice siberiano”.
Oggi lo troviamo soprattutto in Cina, ma anche in Giappone, Cambogia, Filippine e Laos.

“Stellato” quindi perché ha la forma di una stella, “anice” perché la badiana ne ha un gusto molto intenso, ancor più dell’anice verde, grazie all’anetolo che contiene.

L’anice stellato è una spezia molto profumata, utilizzata per dare un tocco piccante alle bevande (tè, vin brulè, etc.) o per preparazioni culinarie (dolci, carni).
È la spezia della nostalgia, che ricorda le nostre nonne e l’infanzia, dal delizioso sapore di anice e dai grandi benefici. Insomma: un must!

[ Buono a sapersi: l’anice stellato non deve essere confuso con il frutto velenoso della badiana del Giappone (Illicium religiosum), che provoca crisi epilettiche. La commercializzazione di estratti di anice stellato e della sua polvere era stata infatti vietata nel 2001, prima di essere nuovamente autorizzata nel 2007 grazie allo sviluppo di metodi analitici affidabili per identificare la natura prodotti. ]

Le proprietà dell’anice stellato

L’anice stellato fa parte della farmacopea tradizionale asiatica dalla notte dei tempi! Dalla sua introduzione in Europa alla fine del XVI secolo, il suo uso in fitoterapia si è diffuso ampiamente. Viene utilizzato principalmente come infuso o come olio essenziale.

L’anice stellato contiene diverse molecole di interesse, che gli conferiscono le sue proprietà:

[ Nota: l’acido scichimico della badiana è stato utilizzato per la fabbricazione del famoso Tamiflu®, il farmaco antivirale destinato in particolare a combattere  l’influenza A. ]

Ha molti benefici per la salute, e può essere usato per curare (o almeno alleviare) alcuni disturbi comuni.
Eccovi quali.

Digestione difficile

L’anice stellato ha un effetto benefico sul sistema digestivo, alleviando i dolori di stomaco e intestino, grazie alle sue proprietà:

  • carminativa: aiuta a ridurre la formazione di gas e ne facilita l’eliminazione riducendo gonfiore, flatulenza;
  • coleretica: stimola la secrezione della bile dal fegato;
  • antispasmodica: riduce gli spasmi associati a disturbi intestinali, allevia le coliche. Quest’azione permette anche di alleviare i sintomi associati ad infezioni del tratto urinario o l’intensità degli attacchi di coliche renali.

Funziona anche come antielmintico (via i vermi…).

Alito cattivo

Come tutte le spezie, l’anice stellato lascia un alito fresco e pulito. Se il sapore piace, sgranocchiamone i semi o succhiamone il frutto, come fosse una caramella.

Problemi respiratori

L’anice stellato aiuta a combattere le malattie respiratorie grazie alla sua azione espettorante: fluidifica le secrezioni bronchiali per facilitarne l’eliminazione. Può quindi essere usato per trattare la tosse cronica, alleviare asma, etc.

Disagi della menopausa

L’anice stellato ha proprietà estrogeniche: imita cioè gli effetti degli ormoni sessuali femminili. Efficace contro i fastidi associati alla menopausa, come le tristemente note vampate.

Dolori articolari e muscolari

L’anice stellato, per sue proprietà antinfiammatorie e analgesiche, allevia i dolori articolari e muscolari: indicato per mal di schiena, artrite, reumatismi, etc.

Sonno, ansia & stress

Ha virtù calmanti, efficaci per combattere l’ansia e lo stress. Ideale per prepararsi a dormire e lenire l’insonnia.

Diuretico

Ha proprietà diuretiche che permettono una migliore eliminazione delle urine con significative conseguenze, quali il miglioramento dell’insufficienza cardiaca o  anche un calo della pressione sanguigna.

Benessere generale

L’anice stellato è un’ottima fonte di flavonoidi (antiossidanti), inoltre ha un effetto benefico sul vomito, la stanchezza, il colesterolo e il mal di testa.

[ Ma, per far la guastafeste e impedirvi di riempirne la dispensa, sappiate che l’impiego di spezie non può sostituirsi alla visita e alle prescrizioni di un medico. ]

Il rimedio della nonna

Se avete più di 4 anni (l’anice stellato è sconsigliato nella prima infanzia) ecco un’infusione semplicissima e rapidissima:

  • mettete quattro stelle in una tazza;
  • versatevi sopra dell’acqua bollente;
  • lasciate riposare per 15 minuti;
  • filtrate e bevete.

Una tazza dopo ogni pasto: alla vostra salute!

Riassunto
Le virtù dell'anice stellato
Titolo
Le virtù dell'anice stellato
Descrizione
Una graziosa forma di stella dal sapore aspro e piuttosto forte, con un retrogusto piccante e dolce: l'anice stellato è una spezia dalle interessanti virtù.
Autore
Pubblicato da
Toomaki Store
Logo
Tags from the story

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *