Baciamoci! Baci di dama alle mandorle e cioccolato

Baci di damaQuesti dolcetti sono uno dei miei cavalli di battaglia. Semplicissimi da fare ma poco conosciuto per lo meno nelle mie cerchie di amici e parenti e così quando vengo invitata cerco di farli sempre perché vengono davvero apprezzati.
Lo sa benissimo la mia carissima amica Cristina! Una volta a Natale le ho regalato Baci di Dama confezionati a dovere! Un regalo apprezzatissimo davvero.

Sono originari del Piemonte e la ricetta originaria, antica, prevedeva l’uso delle nocciole in quanto più facili da reperire e meno costose rispetto alle mandorle.
Per questo potete utilizzare anche le nocciole, il risultato è stupefacente lo stesso.
Sono chiamati in questo modo perché fatti da due calottine di pasta che si uniscono grazie al cioccolato che viene spalmato dentro. Il risultato è come due labbra che si baciano e da qui deriva il loro nome.

Per il San Valentino quindi sono ideali. Come non fare dei biscotti che sono dei baci di nome e di fatto?
Spero che questa ricetta vi piaccia e che la proporrete anche come regalo per i vostri cari, confezionati in un cestino o una scatola simpatica.

Ingredienti

100 gr mandorle
100 gr zucchero semolato
90 gr burro
150 gr farina 00
vaniglia

Procedimento

Tosta leggermente le mandorle in un padellino. Sono sufficienti due minuti ma non di più perché altrimenti asciugano troppo e l’impasto risulterà secco.
Falle raffreddare e in un robot da cucina frullale con lo zucchero.
Aggiungi il burro morbido a pezzetti, la vaniglia e la farina.
Amalgama il tutto molto velocemente: si formerà un composto grumoso e non compatto ma morbido.

Con le mani o con uno scovolino per il melone fai tante palline che saranno i baci di dama.
Disponile su una placca da forno rivestita di carta e cuoci a 180°C per 15/20 minuti circa.

Sforna, lascia raffreddare e farcisci con crema alla nocciola oppure con cioccolato fondente fuso.

 

 

Sommario
recipe image
Ricetta
Baci di dama
Pubblicata il
Tempo preparazione
Tempo di cottura
Tempo Totale
Tags from the story

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *