Tè.. Benessere, bellezza e cura (anche della casa)

C’era una volta …

… un principe dal nome Dharma, il quale fece il voto di non dormire mai più per riscattare le sue folli notti spese nella dissolutezza.
Trascorsi molti anni, un giorno, sulle montagne dell’Himalaya, Dharma si fece vincere dal sonno. Al suo risveglio, preso dal rimorso, si tagliò le palpebre e le seppellì nel terreno per non correre più il rischio di violare il suo voto.
Dopo molto tempo, scoprì in quel punto un cespuglio sconosciuto: c’era una misteriosa pianta, l’albero del tè, nato dalle sue lacrime.
Ne raccolse le foglie, le fece macerare e ne bevve l’acqua.
Dopo il primo sorso, la sua stanchezza scomparve e il suo spirito raggiunse le più alte vette della contemplazione.
Da allora, il tè divenne la bevanda dei notabili cinesi.

Sia che si tratti di una leggenda Indiana, o Giapponese o Cinese, la nascita della pianta del tè viene sempre attribuita a figure dall’animo gentile ed angosciato le quali traggono giovamento da questo stato d’animo temporaneo e che riscoprono la serenità dalle lacrime versate, che si tramutano in tè.

Sono leggende, favole o parabole che racchiudono le profonde e forti virtù di questa bevanda che, come scrisse Okakura Kakuzo (1862 – 1913) nel suo Libro del tè “È igiene perché rafforza la pulizia; è economia perché dimostra il vantaggio delle cose semplici su quelle complesse; è geometria morale in quanto definisce il nostro senso di proporzioni rispetto all’universo“.

I Benefici del tè

È la cosiddetta bevanda dell’immortalità e innumerevoli ricerche scientifiche sono state condotte sulle sue proprietà curative con risultati sbalorditivi: in una tazza di tè sono contenuti quattromila agenti chimici ed è la loro complessa e ancora poco conosciuta interazione ad arrecare benefici in campi così diversi della salute, contrastando le malattie dovute ai processi degenerativi come cancro, disturbi cardiocircolatori, artrite ed osteoporosi.

Tè per la salute

  • per arrestare la nausea e il vomito e come digestivo: preparate un tè nero aggiungendo tre fettine di zenzero fresco trita finemente, lascia in infusione per 3 – 5 minuti e bevi.
  • per ridurre il colesterolo LDL e nella prevenzione delle malattie coronariche: ecco la ricetta cinese. Lascia in infusione per 10 minuti 9 gr di radice di salvia polverizzata e 3 gr di tè Toucha (tè che ha subito una doppia fermentazione) o, in mancanza di questo, tè verde. Bevi l’infuso tre volte al giorno.
  • per le gastroenteriti: prendi quattro volte al giorno un tè nero ristretto preparato mettendo 5 gr di foglie di tè in un litro di acqua oligominerale. Porta ad ebollizione, abbassa la fiamma al minimo, lascia sobbollire per 5 minuti e filtra.
    La ricetta è particolarmente utile se la diarrea si accompagna a febbre o a sensazione di bruciore.
  • in caso di dissenteria da freddo: cuoci 30 gr di riso con 3 gr di zenzero fresco in infuso di tè fatto con 15 gr di foglie e bevine il liquido di cottura.
  • per la stitichezza: prepara un tè verde in un brodo di cipolla. E’ un antico rimedio cinese.
  • in caso di malessere dovuto a ulcera gastroduodenale: bevi tre volte al giorno una tazza di tè verde. I flavonoidi del tè verde favoriranno la cicatrizzazione delle ulcere.

te-benessereTè per il benessere

  • per smaltire una sbornia: in un pentolino fai bollire la scorza di un’arancia in un bicchiere di acqua per cinque minuti. Unisci un cucchiaino abbondante di tè nero, fai riposare per cinque minuti, scola e bevi.
  • per i piedi maleodoranti: prepara un tè nero molto forte (4 cucchiaini per mezzo litro di acqua), aggiungi due litri di acqua fredda e immergi i piedi per una ventina di minuti.
  • per alleviare la fatica e favorire la circolazione del sangue: versa uno o due cucchiai di salsa di soia (tamari) in una tazza di tè Bancha e bevi caldissimo.
  • per combattere l’insonnia: bevi tre volte al giorno un infuso di tèbianco con melissa o lavanda.
  • in caso di carie frequenti: bevi una tazza di tè, forte o leggero, dopo i pasti, per un massimo di tre tazze al giorno.
  • per i gonfiori ai piedi e alle caviglie: fai degli impacchi di tè nero ottenuto con acqua alla quale sono state aggiunte bucce di patata.
  • per occhi gonfi ed occhiaie: fai un infuso con tè nero e applica sugli occhi le bustine (se tè in bustina) oppure, se tè sfuso, avvolgilo in una garza. Gli impacchi a base di tè sono una vera e propria cura di bellezza per gli occhi stanchi.
  • per piccole ferite e gengive infiammate: dopo aver fatto l’infuso, applica una bustina di tè direttamente sulle zone interessate, rinnovando la compressa più volte al giorno.
  • per gengive che sanguinano e leggere scottature: fai bollire due bustine di tè nero in due tazze di acqua per tre minuti. Lascia raffreddare e applica sulle zone interessate, rinnovando la compressa più volte al giorno.

te-bellezza-e-saluteTè per la bellezza

  • lozione per mantenere l’abbronzatura: prepara un decotto con 50 gr di foglie di tè verde, un cucchiaio di mallo di noce e mezzo litro di acqua. Fai bollire per circa 12 minuti, raffredda e filtra. Applicalo sulla pelle dopo l’esposizione al sole.
  • tonico per la pelle: prepara un infuso con una bustina di tè verde, lascia intiepidire e picchiettala sul viso, collo, decolletè e mani.
  • tonico astringente per pelli grasse: prepara un infuso con tanto tè nero, aggiungi il succo di un limone, filtra e usa come un comune tonico. I tannini contenuti nel tè liberano i pori dalle impurità, rendendo la pelle più elastica e migliorandone tono e carnagione.
  • maschera rivitalizzante allo yogurt e tè verde: mescola un cucchiaio di polvere di tè Matcha a uno yogurt bianco. Applica sul viso per una quindicina di minuti e risciacqua con cura.

te-casa-okTè per la cura della casa

  • frigorifero: le foglie usate di tè verde in un piattino, messo in frigorifero, assorbono gli odori.
  • odori: strofina foglie di tè verde bagnate per eliminare gli odori di pesce e di aglio dalle mani.
  • lettiere degli animali domestici: le foglie usate di tè verde messe nella lettiera del gatto aiutano a disperdere gli odori e ad allontanare le pulci.
  • piante: versa il tè verde avanzato e le foglie usate direttamente nel vaso delle piante sia da appartamento che da giardino. Puoi mescolare le foglie anche nel terriccio: grazie alla ricchezza di azoto le piante ne avranno giovamento.
  • fiori: per far durare più a lungo i fiori nei vasi, mettili in una soluzione composta da 4 parti di acqua e 1 di infuso di tè.
  • tappeti: per ravvivarne il colore, spargi le foglie secche di tè sulla superficie, strofina delicatamente e spazzola via con cura. Poi passa l’aspirapolvere. I tappeti appariranno più puliti e avranno un odore più fresco.
  • stoffe: il tè nero viene usato per antichizzare i tessuti bianchi di tende, pizzi e centrini. Il tè verde invece dona un colore salvia pastello a qualunque tessuto bianco o écru. Ecco la ricetta: prepara un estratto di tè usando tre parti di tè per una parte di acqua e lascia in infusione a temperatura ambiente per un’ora circa. Immergi il capo che vuoi trattare per 20 minuti. Per ottenere un colore più intenso, lascia a bagno altri 20 minuti. Elimina il liquido strizzando con
    delicatezza, risciacqua con acqua fredda e fai asciugare all’aria.
  • mobili verniciati: per eliminare l’odore di solvente, soltanto se il legno non è poroso, passa un panno imbevuto di tè.

 

Quando il tè è sconsigliato

Se consumato in dosi molto elevate, può portare a stitichezza, problemi digestivi, forte irritabilità e nervosismo. In caso di ulcera gastrointestinale e gastrite, evitare il tè nero. Le indicazioni date per la salute sono solo consigli e rimedi naturali: in caso di disturbi gravi bisogna sempre consultare un medico.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *