Passato di fagioli e zucca

Passato di fagioli e zuccaCon legumi e zucca si possono ottenere i piatti più svariati e anche raffinati. E soprattutto, un piatto vegano degno di un cenone di Capodanno.

Come questo passato di fagioli e zucca: la consistenza dei primi e la dolcezza della seconda rendono questo piatto delicato e completo per coloro che rinunciano ad un secondo di carne per scelta, gusto o curiosità.
Le spezie aromatizzeranno ancora di più il tutto quindi se non sapete come rendere questi due semplici ingredienti appetibili per le feste, ecco come fare.

Ingredienti (per 4 persone)

300 gr di fagioli borlotti secchi
1 piccola zucca gialla
1 lt di brodo vegetale
1 carota
2 coste di sedano
1 cucchiaio di spezie miste quali: curcuma, paprika, chili
sale marino integrale
olio di oliva extravergine

Passato di fagioli e zuccaProcedimento

Taglia la zucca a pezzi, mescola le spezie con un cucchiaio di olio e spennellali bene.
Cuocili poi in forno a 200°C per circa 30 minuti dopodiché, una volta cotti, schiacciali con una forchetta.

Copri i fagioli con acqua bollente e lasciali in ammollo per 2 ore.
Trascorso questo tempo, sciacquali e cuocili in acqua fredda per 35 minuti dal bollore.
Scolali e tienili da parte.

Trita la cipolla, la carota ed il sedano e falli soffriggere con poco olio per qualche minuto, aggiungendo la zucca, i fagioli e mescola bene in modo che i sapori si fondano tra di loro.
Il profumo che si sprigionerà sarà fantastico!
Unisci il brodo vegetale bollente e cuoci per 1 ora mescolando spesso.
Metti il tutto in un robot da cucina e frulla fino a ridurre in passato.
Se il brodo si fosse ritirato troppo, in cottura aggiungere dell’acqua bollente.

Servi con un filo di olio, fette di pane casereccio e una spolverata di piramidi di sale.

Sapevi che..

per rendere i fagioli più digeribili, prova ad aggiungere in cottura un pezzetto di alga kombu che li rende anche più teneri.
Sommario
recipe image
Ricetta
Passato di fagioli e zucca
Pubblicata il
Tempo preparazione
Tempo di cottura
Tempo Totale
Tags from the story

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *