Pasqua e Fiadoni Abruzzesi

Fiadoni-abruzzesiI fiadoni sono tipici del periodo Pasquale della mia regione, l’Abruzzo. Ma a casa ne siamo così golosi che mia mamma li fa anche per altre occasioni. Io poi li adoro così tanto che  vige l’obbligo di avvisarmi quando vengono fatti perché devo assolutamente mangiarli caldi!

Quando li faccio io poi…è meglio non avere ospiti altrimenti ne restano ben pochi!

C’è chi mette nella farcia la ricotta ma non è un ingrediente della ricetta tipica anche se non vengono male anzi restano più morbidi e spugnosi all’interno. Dipende dai gusti: io vi suggerisco di prepararli con la ricetta originale che trovate qui e poi potrete sbizzarrirvi con le varie combinazioni.

Possono essere conservati anche per una settimana in un contenitore ermetico, o messi  in freezer. Basterà scaldare i fiadoni Abruzzesi in forno per farli tornare come appena cotti.

Ingredienti per la pasta esterna

500 gr di farina 00
3 tuorli
2 parti di vino bianco
1 parte di olio d’oliva
1 bustina di lievito per torte salate
1 uovo per spennellare

Ingredienti per il ripieno dei Fiadoni Abruzzesi

400 gr di formaggio grattugiato di cui:
200 gr di pecorino non forte e non troppo stagionato
100 gr di formaggio rigatino
100 gr di parmigiano reggiano
5 uova montate a neve

Procedimento per la pasta esterna

Metti su una spianatoia, a fontana, la farina.

Nel frattempo, cosa significa due parti di vino ed una di olio? Significa che, regolandoci sulla consistenza dell’impasto che deve risultare morbido, sodo e non appiccicoso, se utilizziamo un bicchiere di vino, l’olio utilizzato sarà la metà quindi mezzo bicchiere.
Iniziamo in questo modo regolandoci mano a mano che formiamo l’impasto considerando che di partenza occorrono 1 bicchiere di vino e metà di olio.

All’interno della farina, metti i tre tuorli, la bustina di lievito, il vino bianco, l’olio d’oliva e inizia ad impastare dapprima con una forchetta, poi con le mani.

Impasta bene, se necessario aggiungi farina o vino ed olio fino a quando l’impasto non risulterà compatto e non appiccicoso.

Metti in frigo, avvolto da pellicola da cucina, questo impasto e lascialo riposare mentre prepari l’interno.

Procedimento per il ripieno

Monta molto bene con uno sbattitore elettrico le uova,tutte insieme. Montale finché non diventeranno ben spumose e avranno inglobato molta aria.

Dopodiché aggiungi un po’ alla volta i formaggi, mescolando piano dall’alto verso il basso con un cucchiaio di legno.

Pronto il ripieno, riprendi la pasta esterna e procedi in questo modo.

Stendi delle sfoglie sottili e rettangolari aiutandoti con l’apposita macchina per la pasta oppure con un mattarello (sarà un po’ più faticoso ma va bene!).
Prendi la farcia e mettine un cucchiaio lungo la sfoglia, distanziando i mucchietti per permettere di richiudere il fiadone.
Finita la prima sfoglia, chiudila ripiegandola sopra il ripieno e sigilla bene i bordi prima di ritagliarla con un coppa pasta a forma di raviolo o con un tagliapasta dentellato.

Procedi in questo modo fino a terminare l’impasto e la farcia: se la pasta esterna avanza, puoi congelarla in freezer e riutilizzarla! È buonissima!

Formati tutti i fiadoni, sbatti l’uovo e con un pennello da cucina spennella la superficie di tutti i fiadoni. Poi, con una forbice da cucina, fai due piccole incisioni, a croce, sul fiadone. Questa incisione non viene fatta da tutti ma se ti piace vedere il formaggio che esce un po’ fuori a cottura è un ottimo suggerimento. Io lo faccio sempre perché è il metodo utilizzato a casa mia.

Inforna a 200°C per 20-30 minuti a seconda delle dimensioni dei tuoi fiadoni.

Mangiati caldi i fiadoni Abruzzesi sono paradisiaci, da indigestione!

Una pasta dai mille usi!

La pasta usata per i fiadoni Abruzzesi può essere fatta anche il giorno prima e conservata in frigo: diventerà ancora più fragrante in cottura! Inoltre, con questo impasto si possono fare anche torte salate e fiadoni giganti ripieni con prosciutto cotto, crudo, salame o verdure a pacimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *